Con l’ordinanza 9790/2020, la Cassazione afferma che il patto di non concorrenza è ammissibile e legittimo solo se salvaguarda la libertà del dipendente di indirizzare la propria attività lavorativa verso occupazioni ritenute più convenienti

Continua a leggere qui

Fonte: lavorosi.it