Roma, 9 luglio 2020 – “Come Federazione Nazionale della Sicurezza della Cisl, la Fns, ringraziamo il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per la ‘viva gratitudine e l’ apprezzamento più volte espressi oggi nel messaggio inviato al Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, Bernardo Petralia, in occasione del 203° anniversario della costituzione del Corpo, nei riguardi delle donne e degli uomini della Polizia Penitenziaria per l’attività costantemente svolta al servizio dello Stato”. Lo dichiara in una nota Pompeo Mannone, Fns Cisl. “Ci auguriamo che l’encomio del Capo dello Stato per una categoria di lavoratori che si occupa quotidianamente della sicurezza dell’ intero Paese possa essere finalmente recepito dal mondo della politica e delle istituzioni che ad oggi hanno fatto ben poco per questo settore. “Oltre a compensare la forte carenza di organico è necessario intervenire sull’organizzazione del servizio all’interno degli Istituti e mettere mano alle norme relative all’Ordinamento Penitenziario ed al codice penale. Per evitare le aggressioni continue agli agenti da parte dei detenuti chiediamo azioni e provvedimenti strutturali e non misure episodiche. E’ opportuno e necessario mettere mano alla carenza degli organici, rinnovare ed ammodernare molte carceri assai vecchie, alcune dell’epoca borbonica, oggi del tutto inadeguate, creare spazi adeguati a disposizione del personale ed ausili tecnologici per migliorare il servizio. Chiediamo da tempo al Ministero della giustizia ed al DAP soluzioni concrete e soprattutto una visione prospettica, ma le risposte continuano a non arrivare, anzi, si preferisce utilizzare soluzioni tampone che dopo un pò riportano il problema all’origine”.

Continua a leggere qui

Fonte: cisl.it