Sulla vicenda dei ritardi dei pagamenti della cassa integrazione artigiani si iniziano a muovere anche esponenti del Partito Democratico. Non con azioni concrete, è bene dirlo, ma con una dichiarazione rivolta a tutto l’Esecutivo.

A parlare è il senatore Francesco Verducci, Vicepresidente della Commissione Cultura del Senato. Lo si apprende dalla Agenzia di Stampa Askanews.

“Ci sono 800mila lavoratori artigiani – si legge nella nota del senatore marchigiano – che non hanno ancora ricevuto le rate di aprile, maggio e giugno della cassa integrazione. un ritardo insostenibile”.

“Stiamo chiedendo al governo – aggiunge Verducci – di risolvere con assoluta urgenza la questione, per questo abbiamo depositato anche un’interrogazione parlamentare ai ministri Catalfo e Gualtieri. Chiediamo al governo di adottare al più presto le misure necessarie per superare gli attuali impedimenti nelle erogazioni legate alle procedure che riguardano il Fondo di natura privatistica della cassa artigiana”.

“I lavoratori hanno tutti gli stessi diritti e la natura privatistica della cassa non può comportare una penalizzazione dei lavoratori artigiani. Si sblocchino tutti i fondi stanziati col decreto rilancio. Abbiamo bisogno di rilanciare il nostro modello economico rafforzando la filiera artigiana che valore aggiunto inestimabile per il nostro sistema Paese”, conclude Verducci.

Dunque il senatore PD anticipa che nei prossimi giorni ci sarà un’interrogazione parlamentare ai Ministri del Lavoro e dell’Economia che servirà a comprendere qual è esattamente la situazione che sta determinando i ritardi nei pagamenti.

Una proposta degna di nota ma allo stesso tempo non efficace vista l’urgenza della situazione. Senza trascurare che da un partito di Governo ci si attende, probabilmente, proposte concrete volte a risolvere in tempi rapidi la situazione.