E con le riaperture, ‘celebrate’ nella data del 26 aprile, ripartono le assunzioni. Assunzioni fondamentalmente stagionali e legate soprattutto al settore dei servizi collegati alla filiera del turismo ma anche nelle costruzioni, settore anche questo che vede fare tradizionalmente un balzo in avanti con la stagionale estiva.

A dare ampio spazio al tema è il quotidiano Il Mattino in edicola oggi che si sofferma anche sui numeri di questo rialzo occupazionale:

la previsione di nuove assunzioni a maggio ammonta nel Mezzogiorno a oltre 95mila unità sul totale nazionale di circa 390mila, in linea con quelle del Nord est, meglio del Centro e inferiore al Nord ovest (116mila). La differenza su aprile è di circa 26mila unità in più, il dato più rilevante di tutte le macroaree, e di 20.910 unità rispetto a maggio 2020. Un piccolo spiraglio anche se parlare di inversione di rotta è decisamente prematuro o forse persino azzardato visto che rispetto a maggio 2019 il saldo resta negativo per circa 16mila occupati”.

Numeri che fanno ben sperare e che forse ancora non esprimono al meglio il potenziale occupazionale della nostra filiera turistica considerato che buona parte dei settori sono ancora fermi o per decreto o per assenza dei grandi flussi turistici: centri commerciali, parchi a tema, stabilimenti balneari, bus turistici, locali notturno, sale da ballo, ecc.

Le previsioni dunque restano più che positive e – secondo quanto scrive il quotidiano napoletano – sarà il turismo a trainare le nuove assunzioni:

“Sono infatti ben 262mila i nuovi contratti previsti in Italia dalle imprese operano nei servizi, 67mila in particolare nella ristorazione e della filiera del turismo. Ma anche le attività ricreative, culturali, gli altri servizi alla persona (circa 50mila) e le attività commerciali (circa 46mila) ribadiscono una nuova per quanto ancora modesta vitalità”.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.