Torna sulla scena il Contratto a termine con i primi emendamenti al Decreto Sostegni bis che propongono di superare il Decreto Dignità del 2018 che introduce causali tassative stabilite per legge e non consente alcuno spazio di manovra – fatta eccezione per la stagionalità – alle parti sociali nell’individuare le ragioni che legittimano il ricorso ai contratti a tempo.

A proporre le modifiche alla Camera dei deputati sono Lega e PD, come ci spiega Il Sole 24 Ore in edicola oggi:

“La spinta arriva dalla Lega, che oggi alla Camera presenta un pacchetto di emendamenti al decreto Sostegni bis per chiedere maggiore flessibilità nell’utilizzo dello strumento: «Proponiamo di affidare le causali alla contrattazione collettiva, inclusa quella aziendale – spiega la sottosegretaria al Lavoro del Carroccio, Tiziana Nisini -. Chiediamo anche di eliminare il contributo addizionale dello 0,5% che scatta su ciascun rinnovo e di non conteggiare, nei limiti di durata massima del rapporto a tempo, il periodo di pandemia e le settimane di cassa integrazione. Vogliamo dare più respiro alle aziende e strumenti flessibili e tutelanti per i lavoratori, per supportare questo inizio di ripresa». Anche il Pd, con Antonio Viscomi della commissione lavoro della Camera, e ordinario di diritto del lavoro all’università di Catanzaro, è pronto a presentare un emendamento per affidare le causali alla contrattazione collettiva: «Fin dall’inizio della vicenda parlamentare del decreto Dignità – afferma il professor Viscomi – chiediamo di valorizzare ai fini regolatori l’autonomo dialogo tra le parti sociali»”.

Affidare alla contrattazione collettiva il compito di stabilire quali sono le causali di ricorso del contratto a termine consentirebbe di ritornare al punto di equilibrio che ha tenuto in piedi il sistema dal 1987 con la legge n. 56 e fino al 2018, quando il Decreto Dignità – fortemente voluto dal M5S – ha previsto che dopo il primo contratto a termine che le parti possono stipulare senza dover indicare una causale, è necessario per l’impresa assumere solo con le stringenti ragioni individuate dalla legge.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.