Visto il successo di quelle precedenti, la Fit-Cisl, con il patrocinio del Ministero e dei Trasporti e la collaborazione del Ministero dell’Istruzione, dà il via alla V edizione di “Nico Piras – Sono Stato io”, il concorso nazionale rivolto agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado sul tema del rispetto del lavoro delle persone che operano nei servizi di trasporto e dei mezzi e ambienti pubblici.
Per partecipare, i bambini e i ragazzi devono realizzare fumetti oppure spot audio video e inviarli alla Segreteria Nazionale della Fit-Cisl entro e non oltre le ore 13 del 22 aprile 2022. I migliori lavori saranno premiati con buoni libri per un valore fino a 500 euro, notebook e mountain bike.
Per maggiori dettagli su come partecipare al concorso e sui premi in palio si può consultare il bando sul sito Sonostatoio.com e sul sito del Ministero dell’Istruzione al seguente link:
https://www.miur.gov.it/documents/20182/5591601/BANDO+CONCORSO+SonoSTATOio+2021-2022.pdf/41dcd9be-13df-0bbf-48fb-bdac254fd1f8?version=1.0&t=1635492539248.
Da quando la Fit-Cisl lo ha ideato e promosso, il concorso “Nico Piras – Sono Stato io” ha vissuto un successo crescente con centinaia di adesioni da tutta Italia. “Questo significa – dichiara Salvatore Pellecchia, Segretario generale della Fit-Cisl – che, da quando è nato il concorso, migliaia di studenti hanno avuto modo di riflettere insieme ai loro insegnanti, compagni di classe e genitori sul valore delle cose pubbliche, in particolare nel settore dei trasporti, e allo stesso tempo sulla necessità di rispettare il lavoro di chi lavora ogni giorno per è impegnato a garantire la mobilità delle persone. Per la Fit-Cisl è quindi una soddisfazione che questo concorso sia giunto alla sua V edizione. Troppo spesso gli operatori dei trasporti subiscono aggressioni e i mezzi e gli ambienti continuano a essere oggetto di atti di vandalismo. Per offrire un servizio efficace, efficiente e di qualità è necessario anche diffondere una nuova cultura del rispetto, della sicurezza, della legalità, del senso civico, partendo proprio dai più giovani. Le risorse pubbliche disponibili dovrebbero essere usate sempre più per nuovi investimenti e sempre meno per rimediare ad atti vandalici”.

Continua a leggere qui

Fonte: cisl.it