Tra tutte le novità previste dalla legge di bilancio 2022 in materia di reddito di cittadinanza, una molto importante riguarda l’obbligatorietà per i vecchi e nuovi percettori di presentarsi mensilmente presso il centro per l’impiego del proprio comune di residenza o competente per territorio per verificare la presenza di offerte lavorative congrue.

Rdc e obbligo mensile al Centro per l’impiego 2022: in cosa consiste

La nuova legge di bilancio prevede che la ricerca attiva di lavoro da parte del percettore di Rdc debba essere verificata presso il centro per l’impiego, in presenza, con frequenza almeno mensile.

Questo significa che il già percettore di Rdc, ma anche chi lo inizierà a percepire a partire da questo nuovo anno, ha l’obbligo di recarsi almeno una volta al mese presso il centro per l’impiego del suo comune di residenza per verificare se ci sono offerte di lavoro congrue che in quel caso dovrebbe accettare.

Per chi non rispetta questo obbligo scatterà in automatico la decadenza del sussidio.

Rdc e obbligo mensile al centro per l’impiego 2022: da quando?

Essendo che la manovra di bilancio è entrata ufficialmente in vigore dal 1° gennaio 2022, molti percettori del reddito di cittadinanza si chiedono se quest’obbligo specifico si applica già a partire dal mese di gennaio, ovvero se già in questo mese devono recarsi tutti presso il centro per l’impiego e verificare la presenza di offerte lavorative congrue.

Un risposta definitiva e ufficiale a questa domanda ancora non c’è, ma per cercare di essere il più chiari possibile noi di Tuttolavoro24.it abbiamo contattato vari Centri per l’impiego (Cpi) dislocati in diverse città italiane chiedendo quali sono le regole al momento. In altri termini se sono gli stessi beneficiari a dover presentarsi già da gennaio senza chiamata oppure devono attendere un segnale, un contatto dai Cpi. La risposta che ci è stata data è che al momento non hanno alcuna direttiva per applicare il disposto di legge ai percettori del Rdc.

I centri per l’impiego stanno dunque aspettando indicazioni di carattere amministrativo a livello nazionale. E quel che fanno trapelare è che, in attesa di chiarire ogni aspetto applicativo – es. quando presentarsi? c’è bisogno di appuntamento? cosa fare in caso di malattia insorta? ecc- – l’osservanza di questo nuovo obbligo, per il mese di gennaio 2022, sembra essere di fatto sospesa.

Il consiglio che diamo ai nostri lettori è tuttavia di prendere comunque contatto – già in questi giorni – con il Centro per l’impiego della propria provincia/città per conoscere qual è la prassi applicativa osservata.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].