HomeEvidenzaAssegno Unico figli, in 5 casi niente ricarica senza MODULO RdC-Com/AU

Assegno Unico figli, in 5 casi niente ricarica senza MODULO RdC-Com/AU

Dopo un mese di attesa, Inps ha finalmente pubblicato il modulo Rdc-Com/AU. Adesso è ufficiale: il modulo servirà affinché tutti i percettori del Reddito di Cittadinanza possano ricevere l’importo integrale dell’Assegno Unico.

I pagamenti scorsi, infatti, avevano lasciato l’amaro in bocca a molti percettori di Assegno Unico su RdC per via di alcuni tagli clamorosi. Ad altri percettori, invece, non era stato concesso nemmeno il lusso dell’amaro: come segnalato da TuttoLavoro24.it, infatti, qualcuno è rimasto proprio a bocca asciutta.

Ecco finalmente giunto il momento di recuperare le cifre perse: con la compilazione di suddetto modulo, Inps erogherà a tutti la cifra dovuta. Altrimenti, Inps non sarà in grado di pagare la cifra corretta. Tuttavia, non tutti i percettori sono tenuti a riempirlo. Vediamo chi sarà interessato.

Modulo Rdc-Com/AU 2022: chi riguarda

Già il mese scorso l’Istituto di Via Ciro il Grande aveva dato un’anticipazione di chi avrebbe dovuto compilare il modulo Rdc-Com/AU. Nella Circolare n. 53 del 28 aprile, infatti, si legge:

“Ai nuclei familiari le cui informazioni indispensabili al riconoscimento dell’integrazione Rdc/AU sono già in possesso dell’Istituto, in quanto contenute nella domanda presentata per l’accesso al Rdc o desumibili dalle banche dati a disposizione, l’accredito dell’importo avverrà senza che sia necessario acquisire ulteriori dichiarazioni riguardanti il nucleo medesimo. Dovranno invece essere comunicate all’INPS, tramite l’apposito modello Rdc-Com/AU […], le informazioni riguardanti il nucleo familiare percettore di Rdc che non risultino in possesso dell’Istituto.

In pratica, tutti i casi che deviano dalla situazione “standard” andranno segnalati, affinché Inps possa reperire le informazioni mancanti e indispensabili per il calcolo dell’importo. Pertanto, quali sono i casi in cui il modulo Rdc-Com/AU va presentato? Vediamoli nel dettaglio.

Modulo Rdc-Com/AU 2022: chi lo deve compilare

I casi in cui il modulo Rdc-Com/AU va compilato sono 5. Senza la presentazione dello stesso entro il 30 giugno prossimo, Inps non potrà erogare il pagamento. In particolare, come indicato da suddetta Circolare, si è obbligati a presentarlo nel caso in cui ci si trovi in una delle seguenti condizioni:

  1. presenza nel nucleo familiare di un figlio maggiorenne a carico e fino al compimento dei 21 anni che:
    • frequenti un corso di formazione scolastica o professionale o un corso di laurea; oppure
    • svolga un tirocinio o un’attività lavorativa e possieda un reddito complessivo inferiore a 8.000 euro annui; oppure
    • sia registrato come disoccupato e in cerca di un lavoro presso i servizi pubblici per l’impiego; oppure
    • svolga il servizio civile universale;
  2. presenza nel nucleo familiare di figlio minorenne a carico non valorizzato correttamente nella DSU utile ai fini del riconoscimento del RdC (minorenni indicati con la lettera “P” e non con la lettera “F” nel quadro A della DSU);
  3. presenza nel nucleo familiare di madre di età inferiore a 21 anni non valorizzata nella DSU utile ai fini del riconoscimento del RdC in qualità di dichiarante o coniuge del dichiarante;
  4. indicazione degli esercenti la responsabilità genitoriale riferita a ciascun figlio in seno al nucleo familiare, ai fini del pagamento dell’assegno unico e universale in parti uguali tra i genitori (articolo 6, comma 4, e articolo 7, comma 2, del D.lgs n. 230/2021). Dovranno presentare il predetto modello Rdc-Com/AU, ad esempio, i nuclei familiari ove non siano presenti entrambi i genitori di uno o più figli a carico, a seguito di separazione, divorzio o in caso di genitori naturali non conviventi;
  5. esistenza di un valido provvedimento di affidamento di uno o più figli minori presenti nel nucleo in capo al dichiarante diverso dal genitore (ad esempio, nonno, zio, fratello, ecc.).

Inoltre, al fine di ricevere le maggiorazioni spettanti, saranno tenuti a presentare il modulo Rdc-Com/AU anche quei nuclei familiari:

  • in cui entrambi i genitori siano titolari di reddito da lavoro alla data di presentazione del modello (ai sensi dell’art. 4, comma 8, del D.lgs. n. 230/2021);
  • che abbiano un ISEE non superiore a €25.000 e che abbiano percepito nel corso del 2021, l’assegno per il nucleo familiare.

In pratica, gli unici percettori che non sono tenuti a compilare il modulo e che vedranno comunque corrisposta la cifra integrale sono quelli in cui siano contestualmente presenti, all’interno dello stesso nucleo, i due genitori, di cui uno sia il dichiarante della DSU, ai fini ISEE, con uno o più figli a carico che siano minorenni (con o senza disabilità) o maggiorenni con disabilità.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News.

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].
spot_img
spot_img
spot_img