HomeEconomia & LavoroLavoratori Statali, l’anticipo TFR costerà il 2%: parte la svalutazione

Lavoratori Statali, l’anticipo TFR costerà il 2%: parte la svalutazione

Il TFR dei lavoratori pubblici? Noto anche come TFS, trattamento di fine servizio. E’ destinato a subire una forte svalutazione.

Come noto il Tfs arriva dopo 2 oppure 5 anni (in caso di anticipo pensionistico) dalla fine del servizio e può essere anticipato dalle Banche grazie a una convenzione Stato-ABI, associazione bancari.

Ma la musica sta per cambiare. Il costo del “servizio anticipo” delle Banche, che fino a qualche tempo fa era minimo, ora sta per salire a causa dell’inflazione.

Lo scrive il quotidiano Il Messaggero in edicola oggi:

“Finché i tassi sono rimasti a zero, o sottozero, l’anticipo si è rivelato anche conveniente. Ma adesso il rendistato, un tasso calcolato su un paniere di titoli pubblici, ha iniziato a salire. Per un prestito tra un anno e un anno e mezzo è arrivato a superare l’1% a luglio. A due anni e mezzo è di circa 1,5 punti percentuali. L’anticipo bancario del Tfr-Tfs insomma, costa, se va bene, fino al 2 per cento. Ma è peggio ancora lasciare i soldi all’Inps e attendere la liquidazione dopo due o tre anni. Si riceverebbero soldi “svalutati” del 15% o 20% a seconda dell’andamento del caro vita che, solo quest’anno viaggia al ritmo dell’8%. «È inconcepibile che i dipendenti pubblici debbano rimetterci soldi sul Tfr e sul Tfs», dice Massimo Battaglia, segretario generale Unsa-Confsal”.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News.

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].
spot_img
spot_img
spot_img