HomeEvidenzaReddito di Cittadinanza 2023: con queste 10 condizioni di Disabilità si conserva...

Reddito di Cittadinanza 2023: con queste 10 condizioni di Disabilità si conserva il Diritto

Reddito di Cittadinanza abolito a partire dal 1° gennaio 2024 e un massimo di 8 mensilità percepite durante il 2023. E’ quanto prevede la bozza di Legge di bilancio approvata dal Consiglio dei Ministri lo scorso lunedì.

Tuttavia a questa regola ‘ferrea’, che intende colpire i cosiddetti occupabili (circa 660mila persone secondo il Governo), non riguarderà i nuclei familiari con i soggetti cd. fragili. Vediamo cosa dice la bozza della Manovra.

Reddito di Cittadinanza, chi prende 12 mensilità nel 2023

TuttoLavoro24.it ha avuto modo di leggere la bozza della Legge di Bilancio ed è in grado di riportare ai suoi lettori i tratti salienti di un documento composto temporaneamente da 136 articoli.

In particolare sul Reddito di Cittadinanza è ora chiaro chi non sarà colpito dal taglio nel 2023. Insomma coloro che non riceveranno solo 8 mensilità (da gennaio a agosto 2023) ma beneficeranno di 12 mensilità del Reddito e sono i principali ’candidati’ a rientrare anche nel 2024, quando il RdC sarà sostituito da quello che dovrebbe chiamarsi Assegno di solidarietà.

Riceveranno 12 mensilità del RdC nel 2024, salvo il ’classico’ mese di stop dopo l’esaurirsi dei 18 mesi, i nuclei familiari già beneficiari caratterizzati dalla presenza di:

  • Minori di età;
  • Persone con almeno 60 anni;
  • Persone con disabilità come definita ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 5 dicembre 2013.

Reddito di Cittadinanza 2023, quali Disabilità per continuare ad averlo?

La lista più complessa sta proprio nella terza casistica. La disabilità infatti, per la legge italiana, non ha una definizione univoca. Ecco perchè occorre far riferimento alla elencazione prevista dal DPCM 5 dicembre 2013, espressamente citato dalla bozza della Legge di Bilancio.

Ecco l’elencazione completa delle Disabilità media, grave e di non autosufficienza che, salvo modifiche nell’iter parlamentare, dovrebbe garantire l’erogazione del RdC anche nel 2023 ai nuclei già beneficiari e in possesso dei requisiti ordinari di accesso:

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].
spot_img
spot_img
spot_img
- Advertisment -