HomeEvidenzaINPS erogazioni 10 maggio: NASpI, Bonus 150€, attesa Assegno Unico e Carta...

INPS erogazioni 10 maggio: NASpI, Bonus 150€, attesa Assegno Unico e Carta Acquisti

Pagamenti INPS 10 maggio, cosa aspettarsi oggi? Ancora NASpI per chi attende quella relativa ad aprile, e ancora Bonus 150 euro anti-inflazione per chi non lo hai ricevuto. Attese, infine, le lavorazioni dell’Assegno Unico e le ricariche residue della Carta Acquisti.

INPS, pagamenti in corso il 10 maggio

La NASpI è la prestazione con più date di pagamento della settimana: oggi è il terzo giorno in cui INPS liquida l’indennità di disoccupazione di maggio, ma relativa ad aprile. I pagamenti sono sparsi in tutta Italia, anche se qualche percettore lamenta di non essere ancora a conoscenza della data di accredito. Questo accade perché il pagamento della NASpI è gestito a livello locale e non tutte le sedi territoriali INPS lavorano le pratiche contemporaneamente. Comunque la situazione dovrebbe sbloccarsi per tutti entro i prossimi giorni.

Oggi arriverà anche il Bonus 150 euro anti-inflazione a una parte di coloro che ancora non lo hanno mai ricevuto. Può trattarsi sia di beneficiari che ne hanno fatto domanda a INPS, sia di coloro che invece ne hanno diritto in automatico. Tra questi ultimi, ci sono quelli che a novembre 2022 erano titolari di NASpI e DIS-COLL: per loro il pagamento era fissato a febbraio 2023, tuttavia potrebbero essere tutt’oggi senza accredito. Solo in questi casi INPS pagherà a maggio: il Bonus 150 euro, infatti, è una tantum e chi lo già riscosso non lo prenderà di nuovo.

Attese anche le disposizioni di pagamento dell’Assegno Unico di maggio: chi ha diritto alla prestazione per i figli a carico su IBAN sa che riceverà l’accredito tra il 10 e il 20 del mese (se l’importo non è cambiato rispetto ai mesi precedenti), pertanto le lavorazioni dovrebbero davvero essere alle porte.

Infine, c’è attesa anche per quanto riguarda la Carta Acquisti: non tutti i beneficiari, infatti, hanno ricevuto la ricarica tra il 5 e il 6 maggio scorsi. Comunque non c’è da preoccuparsi, visto che non sarebbe la prima volta che INPS divide le ricariche in due tranches: chi è ancora senza gli 80 euro del bimestre maggio-giugno, già da oggi potrebbe ricevere l’SMS che annuncia l’avvenuta ricarica.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].
spot_img
spot_img
spot_img
- Advertisment -