15 Maggio 2020 –  “La Filca si conferma un punto di riferimento importante per centinaia di migliaia di lavoratori. I dati delle Casse edili, infatti, sanciscono il primato della nostra categoria in territori importanti del Paese: Piemonte, Veneto, Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Abruzzo, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia”. Lo dichiara il segretario organizzativo della Filca-Cisl nazionale, Ottavio De Luca, commentando gli ultimi dati disponibili delle deleghe delle Casse edili, relativi al semestre aprile-settembre 2019. “La nostra categoria – spiega De Luca – è in assoluto la più forte in numerose province, come Torino, Genova, Firenze, Bari, Catania, Bergamo, Brescia, Bolzano, Udine, Venezia, Padova, Modena, L’Aquila, Pescara, Avellino, Foggia, Lecce, Messina, Sassari e nelle 4 Casse della Calabria. In alcune di queste realtà la percentuale di associati alla Filca super addirittura il 50%, mentre in altre Regioni importanti, come Lombardia, Toscana, Lazio, Sardegna e Umbria, la Filca si conferma fortissima, con una percentuale di associati tra il 35 e il 37%. L’altra buona notizia – sottolinea il segretario organizzativo della categoria – è che la Filca è la prima organizzazione in quasi tutti i cantieri delle grandi opere. Questi risultati ci inorgogliscono e caricano di responsabilità: tantissimi lavoratori, infatti, hanno deciso di rinnovarci la fiducia o associarsi alla Filca per la prima volta, premiando così i valori e l’attività della nostra categoria. Un risultato reso possibile grazie all’impegno quotidiano profuso da dirigenti, operatori, delegati e attivisti delle strutture Filca a tutti i livelli, che non hanno mai smesso di prodigarsi per la dignità e la sicurezza dei lavoratori, neanche in questo momento di emergenza economica e sanitaria”, ha concluso De Luca.

Continua a leggere qui

Fonte: cisl.it