Con l’ordinanza 8948/2020, la Cassazione afferma che ogni forma di tecnopatia che possa ritenersi conseguenza di attività lavorativa risulta assicurata all’INAIL.

Continua a leggere qui

Fonte: lavorosi.it