“Apprendiamo che è arrivato il via libera del Cda di Intesa Sanpaolo al prestito da 6,3 miliardi di euro richiesto da Fca con garanzia Sace come previsto dal decreto legge Liquidità.

 

Alla luce della conferma della fusione prevista per il 2021 tra Fca e Psa e vista la crisi del settore, in tutta Europa i principali governi, Francia e Germania, stanno intervenendo per mettere in sicurezza l’industria dell’automotive.

Il Governo italiano provveda al più presto alla convocazione di un incontro con i sindacati sul futuro occupazionale dei lavoratori di Fca dell’automotive per sostenere l’innovazione e la produzione negli stabilimenti italiani.

Il Governo si faccia promotore di un piano presso l’Unione europea ed in particolare con il Governo francese sul settore della mobilità. E’ un momento storico, lo Stato non lasci soli le lavoratrici e i lavoratori del settore”.

Lo dichiarano Michele De Palma, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile automotive e Simone Marinelli, coordinatore nazionale Fca per la Fiom-Cgil.

 

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

 

Roma, 26 maggio 2020

Continua a leggere qui

Fonte: fiom-cgil.it