Sono centinaia di migliaia i lavoratori che in tutta Italia attendono il pagamento della “cassa integrazione” da FSBA e Forma.temp, rispettivamente il fondo di solidarietà bilaterale dell’Artigianato e delle Agenzie di Somministrazione.

Ad attendere il pagamento dell’Assegno ordinario sono i lavoratori dipendenti delle aziende artigiane e delle Agenzie per il Lavoro inviati in missione presso le aziende clienti.

A fare il punto sulla situazione è il quotidiano Il Giorno in Edicola oggi che racconta come, all’emanazione del decreto che libera le risorse, manchi solo il timbro della Corte dei Conti:

“La magistratura contabile non firma. E i lavoratori restano in attesa dell’accredito degli ammortizzatori sociali, affrontando difficoltà e problemi economici che si fanno più pesanti giorno dopo giorno per chi non ha ancora ripreso a lavorare a pieno regime”.

Sul piano sociale, conclude il giornale lombardo, il clima è tesissimo poichè molti lavoratori attendono i pagamenti di aprile, maggio e in molti casi anche marzo, e “che ora minacciano di “scendere in piazza” contro la burocrazia che ha costellato di scogli la strada per l’erogazione dei fondi”.