Just Eat, la piattaforma digitale della distribuzione di cibi aderente a Assodelivery, annuncia ”guerra” all’iniziativa della Cgil di eleggere, a Firenze, il primo rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) dei ciclofattorini in Italia (per approfondire clicca qui).

Lo si comprende dalle dichiarazioni a il manifesto in edicola oggi, del sindacato Nidil Cgil, che ha Firenze ha allestito i “seggi” elettorali davanti ai ristoranti:

“Just Eat ci ha detto che per loro quello del Rls non è un diritto esigibile – spiega Simoncini – eppure la legge dice che, facendo le elezioni, possiamo averlo. Per questo siamo qui”. E le altre piattaforme? “Quelli di Uber Eats ci hanno detto che loro i lavoratori non li conoscono…”. “Anche Just Eat non ci ha dato l’elenco dei lavoratori – prosegue Lani – né tanto meno li ha informati che potevano votare. Eppure i ragazzi arrivano, si informano, e votano”.

Dunque il colosso del Food Delivery Just Eat non intende riconoscere la rappresentanza per la sicurezza della Cgil – figura prevista dal T.U. 81/2008 – si annuncia quindi una “guerra” a colpi di ricorsi giudiziari.