192.851 sono i beneficiari del Reddito di cittadinanza al 31 ottobre. Lo mette in risalto Il Messaggero di oggi su dati Inps.

Il quotidiano romano inoltre dà notizia di una riforma del sussidio che dovrebbe prevedere un nuovo strumento di sostegno al reddito per i richiedenti ritenuti idonei a lavorare, per i quali potrebbe essere attivata un’offerta di lavoro:

“prende corpo l’ipotesi di continuare a destinare l’attuale reddito di cittadinanza esclusivamente ai percettori che non sono in condizioni di lavorare e di erogare invece agli attivabili un sussidio su misura, con importi più bassi e un altro nome”.

Solo un’ipotesi, per ora, quella che prevede uno “sdoppiamento” della misura che resterebbe dunque per i beneficiari che non sono in condizioni di lavorare, mentre per coloro che sono abili al lavoro sarà previsto un sussidio che li accompagni nei primi mesi dell’inizio del nuovo lavoro. Rispetto a questa ipotesi Il Messaggero aggiunge “quel che è certo però è che l’aiuto verrà modificato”, ne sono convinti anche i parlamentari 5stelle che il sussidio lo hanno fortemente voluto.