Assegno unico e universale per ogni figlio al via già da quest’anno. La conferma è arrivata dal Presidente del Consiglio Mario Draghi parlando ieri agli Stati generali della Natalità in presenza di Papa Francesco.

Più precisamente dalle parole del premier ci sono chiare indicazioni che la misura non sarà attivata per tutti dal 1° luglio 2021, come era nelle intenzioni del Governo e della stessa Ministra per la Famiglia Elena Bonetti, ma sarà spostata al 1° gennaio 2022.

Mentre nel 2021, e proprio dal mese di luglio, il Governo intende erogare una misura assistenziale ‘temporanea’ che riguarda solo i lavoratori autonomi e gli incapienti (soprattutto disoccupati) che attualmente non hanno accesso alle detrazioni per i figli a carico.

Ecco quanto dichiarato da Draghi:

“Al sostegno economico delle famiglie con figli è dedicato l’assegno unico universale. Da luglio la misura entrerà in vigore per i lavoratori autonomi e i disoccupati che oggi non hanno accesso agli assegni familiari. Nel 2022 la estenderemo a tutti gli altri lavoratori, che nell’immediato vedranno un aumento degli assegni esistenti”.

A quanto ammonterà questa misura in vigore dal 1° luglio? Ipotesi fatti nei giorni scorsi ma non ancora confermate, perchè – va ricordato – non esiste alcun testo normativo al momento (stiamo solo nell’ambito di un’annuncio di una imminente misura), parlavano di 100 euro mensili che potranno essere erogate in misura fissa a forfait per tutti (soluzione da non trascurare visto che stiamo parlando di una misura temporanea) oppure rapportata in base all’Isee.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.