Aumenta la paura per un nuovo picco di contagi, che secondo le previsioni verrà raggiunto alla metà di agosto. L’obiettivo delle Regioni è quello di evitare di passare alla zona gialla – e dunque alla reintroduzione delle restrizioni – prima della fine della stagione estiva. Si spera che con l’introduzione del green pass esteso a partire dal 6 agosto, il quale dovrà essere esibito per accedere a tutte le attività al chiuso, i contagi subiscano una frenata.

A temere il passaggio in zona gialla sono soprattutto Sicilia, Sardegna e Lazio, che presentano il maggior numero di posti letto occupati nei reparti ordinari e nelle terapie intensive. Le tre Regioni stanno mettendo a punto strategie differenti per evitare il ritorno alle restrizioni. Ecco quanto riportato dal Corriere della Sera in edicola oggi:

Anche le regioni con la percentuale più alta di posti letto occupati nei reparti ordinari e nelle terapie intensive (Sicilia, 9% e 5%, Sardegna, 5% e 7%, Lazio 4% e 5%, dati Agenas) sono all’opera per individuare contromosse locali. Vaccinare, è quella dell’assessore regionale del Lazio, Alessio D’Amato che si mostra fiducioso: «Non cambieremo fascia. Oggi raggiungiamo il 70 per cento di cittadini vaccinati». Il presidente della Sicilia, Nello Musumeci, invece è prudente e annuncia: «Ci aspettiamo una crescita dei contagi e il Cts regionale sta delineando una strategia per introdurre restrizioni in zone locali con bassa percentuale di vaccinati con doppia dose». Polemico il presidente della Sardegna, Solinas: «Nel 2020 ho proposto il passaporto sanitario e c’è stata una sollevazione. Ora rincorriamo il virus chiedendo il green pass per entrare al ristorante e non in aereo»“.

Oltre alle nuove misure introdotte dal governo, quali il green pass esteso anche per viaggiare in treno, aereo o nave – e per tutte le attività da svolgere al chiuso – e il prezzo calmierato per i tamponi, in modo tale da renderli facilmente accessibili a tutti, le Regioni più esposte al rischio zona gialla stanno valutando strategie alternative per frenare i contagi: il Lazio insiste sul vaccinare la maggior parte della popolazione, la Sicilia sta riflettendo sulla possibilità di introdurre restrizioni nelle zone che presentano una bassa percentuale di vaccinati con doppia dose, mentre la Sardegna per il momento critica le contraddizioni del green pass, chiedendo più severità nei controlli.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.