Per domani e venerdì 24 i sindacati hanno annunciato due giorni di sciopero nello stabilimento Brioni Roman Style di Penne (Pescara). La protesta è per la chiusura dei reparti maglieria e camiceria, per l’orario di lavoro, per la rotazione dei lavoratori in cassa integrazione e per le relazioni industriali. “Il 30 settembre è alle porte – scrivono in una nota Filctem-Cgil, Uiltec-Uil e Femca-Cisl – e 86 lavoratori dei reparti di maglieria e camiceria sono sui carboni ardenti a causa dell’accelerazione messa in atto a fine agosto dalla Direzione aziendale che ha dichiarato la chiusura dei due reparti, dopo la scarsa adesione al percorso previsto dall’accordo di uscite volontarie con incentivo all’esodo, soprattutto da parte dei lavoratori pensionabili. L’azienda – prosegue la nota – ha comunicato ai lavoratori di tali reparti che la possibilità di proseguire il rapporto di lavoro dopo il 31 ottobre 2022 è ridotta al lumicino, facendo emergere che per raggiungere l’obiettivo di tagliare 321 posti di lavoro in Brioni si sta facendo leva sui lavoratori di maglieria e camiceria, inducendoli a decidere di abbandonare il posto per accedere all’incentivo a fronte dell’incertezza del futuro. Abbiamo chiesto un incontro urgente al ministero dello Sviluppo economico per sollecitare la corretta applicazione dell’accordo sottoscritto, anche in virtù del blocco dei licenziamenti previsto per aziende che, come Brioni, utilizzano la cassa integrazione Covid 19. Le pressioni per sottoscrivere i verbali di conciliazione per uscite incentivate entro il 30 si susseguono. Riteniamo inaccettabile la chiusura di due reparti che finora hanno sempre garantito volumi e professionalità. L’azienda, oltre agli stabilimenti di Penne, Montebello di Bertona e Civitella Casanova, ha una camiceria a Curno (Bergamo) che, a differenza del sito vestino, non sarà toccata da questa riorganizzazione; inoltre, dopo la dichiarazione di esuberi da parte aziendale al Mise, la Maglieria è il reparto che ha lavorato di più e quello che ha avuto la maggiore performance in termini di volumi”, concludono FIlctem, Femca, Uiltec.

Continua a leggere qui

Fonte: cisl.it