Dopo la decisione di Cgil e Uil di proclamare lo sciopero generale per il 16 dicembre è fredda la reazione della Cisl. Secondo quanto si apprende dall’agenzia di stampa AGI il sindacato di Via Po ”riunirà domani la segreteria per compiere una valutazione sulla decisione delle altre sigle sindacali di proclamare lo sciopero generale il 16 dicembre prossimo”.

Ma nella tarda serata di ieri è arrivata una nota a firma del Segretario generale Cisl Luigi Sbarra che non sembra lasciare spazio ad un appoggio. Non sarebbe la prima volta, neppure negli ultimi tempi: infatti lo sciopero del personale della Scuola del 10 dicembre prossimo non è stato proclamato da Cisl Scuola ma solo dalle altre sigle (per approfondire clicca qui).

“La Cisl considera sbagliato – scandisce la nota – ricorrere allo sciopero generale e radicalizzare il conflitto in un momento tanto delicato per il Paese, ancora impegnato ad affrontare una pandemia che non molla la presa e teso a consolidare i segnali positivi di una ripresa economica e produttiva che necessita di uno sforzo comune per essere resa strutturale. Tanto più considerati i rilevanti passi avanti fatti nell’ultimo mese sui contenuti della legge di bilancio”.

Secondo Sbarra dall’interlocuzione con il Governo sono arrivati i primi risultati tangibili, avanzamenti si registrano “su riduzione delle tasse ai lavoratori e pensionati, risorse per gli ammortizzatori sociali e contratti di espansione, maggiori stanziamenti per la sanità, importanti risorse per non autosufficienza, pubblico impiego, assegno unico per i figli, uniti all’impegno forte assunto dal Governo di aprire al più presto un confronto con il sindacato sulle rigidità della Legge Fornero e di accelerare la riforma fiscale“.

Ma non basta, quello che occorre fare, sottolinea il Segretario Cisl, è continuare “ad esercitare pressione sul Parlamento per migliorare ulteriormente la Manovra e la politica di sviluppo su lavoro e pensioni, politiche industriali e scuola, sostegno al reddito e caro-bollette, per assicurare nuove e maggiori opportunità ai nostri giovani”.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].