REGGIO EMILIA – I Patti Utili alla Collettivà (Puc) a cui sono chiamati a partecipare i percettori del reddito di cittadinanza possono avere una applicazione ‘spinta’ o quantomeno ‘dubbia’?

La risposta è sì, perchè è quello che sta accadendo nel capoluogo emiliano dove 100 percettori del reddito di cittadinanza ”entreranno a far parte dell’azienda sanitaria locale per aiutare il personale medico-sanitario e amministrativo nella campagna vaccinale negli hub”. Lo si apprende dal quotidiano Il Messaggero in edicola oggi.

Si parla infatti di un accordo sottoscritto dal Comune di Reggio Emilia e dall’Ausl che prevede il loro coinvolgimento “in compiti di accoglienza, orientamento, supporto amministrativo e sorveglianza. Un’applicazione significativa dei progetti di utilità collettiva nel concreto, fa sapere il sindaco locale Luca Vecchi.

Mansioni che in genere sono svolte da personale stabile che lavora direttamente, o in appalto, nelle ASL, dietro regolare retribuzione e riconoscimento di tutti i diritti a partire da quelli previdenziali. Ecco perchè la Cgil protesta e a questo punto non esclude azioni giudiziare a posteriori.

“A partire da questa settimana – continua il quotidiano romano – , i candidati – individuati prevedendo una coerenza tra le caratteristiche del progetto e le competenze del beneficiario, nonché gli interessi e le propensioni personali – saranno contattati per un colloquio di selezione. Poi parteciperanno a un’attività di formazione, per essere avviati in servizio entro la fine di gennaio“.

I beneficiari saranno impegnati per due turni da quattro o sei ore, fino a un limite settimanale di 16 ore previsto dalla normativa.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].