Aumentano non di poco gli importi dell’Assegno Unico per i figli a carico. Non per tutti, ma solo per le famiglie con figli disabili. A prevederlo è il decreto Semplificazioni fiscali approvato la scorsa settimana dal Consiglio dei ministri, che modifica gli artt. 4 e 5 del Dlgs 230/2021 per compensare le perdite sopportate dai nuclei con disabili per la cancellazione degli ANF e delle detrazioni per familiari a carico. In pratica, una correzione ad alcuni vuoti di tutela, che lasciavano scoperte alcune categorie.

Fino a ora, infatti, le maggiorazioni per i figli a carico con disabilità variavano a seconda dell’ISEE, del grado di disabilità (media, grave, non autosufficienza) e dell’età del figlio disabile (under 18, under 21, over 21). Con le modifiche all’art. 4 di suddetto Dlgs, i figli disabili maggiorenni vengono equiparati ai minorenni: in pratica, gli importi per il figlio maggiorenne disabile saranno gli stessi che valgono per i figli minorenni non disabili.

Ma quanto spetta di Assegno Unico per ogni figlio minorenne a carico? Vediamolo.

Assegno Unico 2022, aumento degli importi: maggiorenni disabili

Come disposto dal comma 1 dell’art. 4, per i figli minorenni l’importo mensile è pari a 175 euro per ogni figlio fiscalmente a carico se l’ISEE del nucleo familiare è inferiore a 15.000 euro annui. Oltre tale soglia l’importo si riduce progressivamente fino all’importo di 50 euro per le famiglie con ISEE pari o superiore a 40.000 euro annui (o per chi non presenta l’attestazione ISEE 2022).

Solo per questo anno, al figlio minorenne viene parificato ciascun figlio con disabilità a carico, senza limiti di età. Pertanto, tali importi varranno anche per i figli maggiorenni disabili, per i quali fino a ora spettava un massimo di 85 euro mensili e un minimo di 25.

Inoltre, la distinzione tra figli minorenni e maggiorenni valeva, fino a ora, anche per determinare le maggiorazioni per i figli disabili in relazione al grado di disabilità. In generale, un nucleo familiare con un figlio disabile maggiorenne percepiva una cifra inferiore rispetto a quella percepita da una famiglia il cui figlio disabile fosse minorenne. Vediamole.

Assegno Unico 2022, aumento degli importi: maggiorazioni figli disabili

In particolare, per ciascun figlio disabile minorenne sono previste le maggiorazioni di seguito indicate:

  • 85 euro mensili in caso di disabilità media;
  • 95 euro mensili in caso di disabilità grave;
  • 105 euro mensili in caso di soggetti non autosufficienti.

Adesso e sempre limitatamente al 2022, con il decreto Semplificazioni che va a modificare il comma 4 dell’art. 4, la maggiorazione mensile fissa per ciascun figlio minorenne con disabilità viene estesa anche ai disabili maggiorenni sotto i 21 anni (i quali, fino a ora, potevano beneficiare di una maggiorazione pari a soli 80 euro mensili, a prescindere dal grado di disabilità).

Riassumendo, quindi, una famiglia con figlio disabile under 21 che prima percepiva 85 euro mensili di importo massimo base e 80 euro di maggiorazione fissa (per un totale di 165 euro mensili), con tali modificazioni riceverà un importo massimo base di 175 euro e una maggiorazione fissa che potrà arrivare anche a 105 euro mensili in caso di non autosufficienza del figlio, per un totale di 280 euro mensili (ben 115 euro di aumento tutti i mesi). E anche nel caso in cui non spettassero maggiorazioni, perché il figlio ha per esempio più di 21 anni, l’importo massimo di base passa comunque da 85 a 175 euro mensili.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News.

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].