Smonta completamente la ”teoria del divano”, la sociologa Chiara Saraceno presidente della Commissione ministeriale sul Reddito di Cittadinanza, a proposito del luogo comune secondo cui i percettori del sussidio preferirebbero starsene a casa senza lavorare, anzichè cercarsi un’occupazione.

E lo fa dalle colonne del quotidiano La Verità in edicola oggi:

«L’alternativa non è il divano. È un lavoro adeguatamente pagato e accessibile. Ottanta chilometri di distanza possono essere già impraticabili se non ci sono trasporti efficienti e si hanno familiari bisognosi di cure, figuriamoci l’intero territorio nazionale. Ed è la possibilità di non vedersi decurtare il sussidio euro per euro. Tra i percettori vi è anche chi ha un’occupazione che non dà un reddito sufficiente per vivere. Lungi dallo stare “sdraiati sul divano”, la maggioranza dei poveri si dà un gran da fare per mettere insieme di che vivere e più che rifiutare un lavoro, troppo spesso non se ne vede offrire nessuno, o in condizioni di decenza. Oggi la povertà è trattata come una colpa».

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].