Pensione di reversibilità, può essere tagliata: ecco la novità e limiti

Inps

La pensione di reversibilità, che spetta ai familiari superstiti di un lavoratore o di un pensionato lavoratore, può essere decurtata in caso di cumulo con redditi aggiuntivi propri del beneficiario. Ma con la sentenza 162/2022 depositata ieri (a cui ha fatto seguito un comunicato stampa), la Corte Costituzionale ha stabilito alcuni limiti alla decurtazione.

Tale decisione nasce in seguito a un caso esaminato dalla Corte, in cui la titolare di una pensione di reversibilità, per due annualità, aveva beneficiato di propri redditi aggiuntivi.

Secondo quanto stabilito dalla Legge Dini del 1995 al coniuge superstite spetta il 60% della pensione del defunto. Tale aliquota però si riduce se il superstite ha ulteriori redditi e il taglio cresce percentualmente con l’incremento dei redditi. In base a ciò, la titolare in questione si era vista applicare una decurtazione superiore all’importo di questi redditi. In pratica, in questo caso la pensione era stata ridotta più di quanto guadagnato in altro modo.

Ma secondo quanto riportato dalla Corte nel comunicato stampa :

“La reversibilità è volta a valorizzare il legame familiare che univa, in vita, il titolare della pensione con chi, alla sua morte, ha beneficiato del trattamento di reversibilità. Quel legame familiare, anziché favorire il superstite, finisce paradossalmente per nuocergli, privandolo di una somma che travalica i propri redditi personali.”

Pertanto, anche se la decurtazione era stata applicata da Inps in maniera corretta, questa finiva per andare in contrasto con la finalità solidaristica sottesa all’istituto della reversibilità diventando così parzialmente incostituzionale.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News.

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].