HomeEvidenzaReddito di Cittadinanza cancellato dopo il Voto? Spunta la data dell'ultimo pagamento...

Reddito di Cittadinanza cancellato dopo il Voto? Spunta la data dell’ultimo pagamento INPS

Elezioni settembre 2022, cosa accadrà al Reddito di Cittadinanza? Questo è sicuramente uno dei temi più caldi di questo fine stagione soprattutto perché più o meno tutti i partiti nel loro programma di Governo hanno lasciato un po’ di spazio al Reddito di Cittadinanza.

I maggiori partiti politici, infatti, sono quasi tutti concordi sul riformare il Reddito di Cittadinanza, che così com’è in vigore oggi non piace a nessuno, fuorché il Movimento 5 Stelle che propone soltanto qualche limatura. Quale sarà quindi il destino del Reddito di Cittadinanza dopo le elezioni di settembre?

Il programma di Centro Destra propone non una vera e propria cancellazione del Reddito di Cittadinanza ma una riforma sostanziale (a partire dal nome) che punterebbe maggiormente alla formazione e al reinserimento dei percettori nel mercato del lavoro. Anche se Berlusconi ha cercato più volte di ridimensionare quanto scritto nel programma. Allo stesso modo, anche la Sinistra non parla di una soppressione del sussidio ma di una sua correzione, come spiegato nel programma elettorale di Centro Sinistra con l’obiettivo di valorizzare i suggerimenti della Commissione Saraceno.

Reddito di Cittadinanza 2022, quando sarà cancellato?

I percettori iniziano quindi a chiedersi preoccupati quale sarà l’ultima mensilità di RdC che verrà pagata qualora si arrivi alla cancellazione o una riforma che stravolgerebbe l’attuale impianto.

Il nuovo sussidio che andrebbe a sostituire il RdC potrebbe avere criteri più stringenti così da interessare meno percettori: in questo modo il neo Governo – i sondaggi dicono a traino FdI, Lega e Forza Italia – potrebbe risparmiare all’incirca 12 miliardi di euro, da investire in altre iniziative più efficaci e mirate. Iniziative che potrebbero comparire già nella Legge di Bilancio del 2023, che dovrà essere approvata entro il 31 dicembre 2022.

E’ infatti la Legge di Bilancio 2023 il primo “banco di prova” nel quale il futuro Governo tenterà di portare le prime incisive modifiche al “Reddito”. Se non altro perchè i partiti di centro-destra spingeranno per offrire al proprio elettorato la “testa” del sussidio grillino.

Detto ciò il pagamento del Reddito di Cittadinanza dunque sembra essere al sicuro almeno fino alla fine dell’anno e quindi fino alla ricarica del 27 dicembre 2022. Cosa accadrà successivamente lo sapremo con certezza solo nelle prossime settimane, tuttavia appare assai probabile che vi sarà una fase transitoria in cui la misura continuerà a essere erogata fino ad esaurimento, cioè per tutte le mensilità residue, ma limitando sin da subito la possibilità di presentare nuove domande o richieste di rinnovo.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News.

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].
spot_img
spot_img
spot_img
- Advertisment -