HomePolitica"Aumento Stipendi, si può fare". Le parole di Landini

“Aumento Stipendi, si può fare”. Le parole di Landini

Il Decreto anti-rave party lascia un po’ il tempo che trova, la priorità va data all’occupazione e al contrasto alla povertà. Parola di Maurizio Landini, leader della CGIL intervistato il 3 novembre da La Stampa.

A suo dire, in cima alla lista delle emergenze va inserito il sostegno ai salari e il sindacalista ha anche un’idea su come perseguirlo e finanziarlo. Queste le sue parole al quotidiano torinese:

“In tempi di inflazione, la difesa delle buste paga è sostanziale. Abbiamo oltre sei milioni di lavoratori che non superano i 10 mila euro annui di reddito lordi. Bisogna tagliare il cuneo fiscale e contributivo, e usarlo tutto dalla parte di lavoratori e lavoratrici. Quindi bisogna praticare il superamento della precarietà.”

Tagliare il cuneo fiscale (in accordo con Meloni) e usare le risorse per sostenere le buste paga e combattere il lavoro precario. Ma non solo: secondo Landini altre somme potrebbero provenire anche da un intervento sugli extra profitti.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].
spot_img
spot_img
spot_img
- Advertisment -