Metalmeccanici, +€200 in Busta paga luglio 2023

stellantis metalmeccanici operai

I lavoratori metalmeccanici troveranno la busta paga di luglio più ricca del solito. Grazie all’accordo di rinnovo del contratto collettivo specifico di lavoro CCSL siglato lo scorso 8 marzo, gli impiegati del settore stanno infatti per riscuotere il secondo dei due ‘bonus’ previsti a titolo di Una tantum.

Il bonus è parte dell’aumento complessivo di 4.300 euro (suddiviso su più voci contributive) che i metalmeccanici dei siti produttivi dell’ex Gruppo Fiat, oggi suddivisi tra le aziende dei gruppi Cnhi – Ferrari – Iveco Group – Stellantis, stanno ricevendo da marzo. Vediamo nel dettaglio a quanto ammonta il Bonus.

Bonus metalmeccanici 200 euro: quando arriva?

Il Bonus che sarà erogato a luglio 2023, per l’importo di 200 euro non è altro che la seconda tranche dell’Una tantum. La prima di 200 euro è già stata pagata ad aprile. L’accordo infatti specifica che:

Per l’anno 2023 saranno erogati due importi forfetari una tantum lordi di euro 200 ciascuno, il primo con la retribuzione del mese di aprile e il secondo con quella del mese di luglio, a tutti i dipendenti in forza alla data della sottoscrizione del presente Contratto Collettivo e al momento dell’erogazione, delle società dei Gruppi Stellantis, Iveco Group, CNH Industrial e Ferrari che applicano il CCSL, fatta eccezione per i dipendenti delle unità produttive/organizzative la cui attività è cessata con ricorso a un ammortizzatore sociale straordinario”.

Il bonus di luglio, dal valore di 200 euro, spetta dunque a tutti i dipendenti dei 4 Gruppi che alla data dell’8 marzo 2023 risultassero in forza lavoro.

Dall’erogazione del bonus sono esclusi i lavoratori in Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria, come scritto nell’accordo. Esclusi anche i dipendenti della Magneti Marelli: l’azienda, specializzata nella fornitura di ricambi e componenti ad alta tecnologia per l’automotive, a maggio scorso è infatti uscita dal contratto Stellantis per passare a quello siglato da Federmeccanica.

Per scaricare l’accordo CLICCA QUI.