Con l’ordinanza 7487/2020, la Cassazione afferma che l’accusa falsa formulata dal datore nei confronti di un proprio dipendente non giustifica il risarcimento per mobbing se manca la prova dell’intento persecutorio.

Continua a leggere qui

Fonte: lavorosi.it