Il Consiglio dei Ministri approva il decreto legge Rilancio da 55 miliardi: 25,6 andranno ai lavoratori, 14-16 alle imprese, 4 saranno di tagli alle tasse per le imprese fino a 250 milioni di fatturato, 3 per la sanità. Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, annuncia le misure per contrastare l’ipotesi di un crollo del pil a due cifre nel 2020 e preannuncia per la vita degli italiani “una ripartenza pressochè completa, ma è bene evitare che ci siano troppi spostamenti interregionali che potrebbero condizionare la curva epidemiologica”.

Le novità dal 18 maggio verranno comunque introdotte con un decreto legge e non con un Dpcm. Sul dl rilancio Conte chiede all’opposizione “un contributo in Parlamento”. Sulle tasse abrogato il saldo-acconto per l’Irap di giugno, i bar e i ristoranti non pagheranno la Tosap, ma, soprattutto, spariscono le clausole di salvaguardia che prevedevano l’aumento dell’Iva dal 2021. Via l’Iva da subito per alberghi e stabilimenti balneari.

Le misure per i lavoratori riguardano la proroga delle varie forme di cassa integrazione, Naspi, ammortizzatori sociali, blocco dei licenziamenti. Ai lavoratori autonomi subito una seconda tranche di 600 euro, che potrebbero aumentare a mille. Sui ritardi nell’erogazione della Cig, Conte assicura: “Abbiamo pagato l’85% di cassa integrazione, quasi l’80% di bonus autonomi, misure per 4,6 milioni di lavoratori. Abbiamo lavorato per rendere meno farraginosi i passaggi e confidiamo di recuperare il tempo perduto, avendo snellito la procedura”.

All’Europa Conte lancia un messaggio preciso: no ad accordi bilaterali che escluderebbero l’Italia dai flussi turistici. “Non accettiamo – dice Conte – accordi bilaterali all’interno dell’UE per dei percorsi turistici privilegiati. Sarebbe la distruzione del mercato unico, saremmo fuori dalla Ue e non lo permetteremmo mai”.

Il premier ringrazia la ministra ed ex bracciante Bellanova “per la passione” (e le lacrime) mostrate sulla regolarizzazione dei migranti occupati in agricoltura. A Patuanelli riserva una battuta ‘politica’: “È Patuanelli il ministro a favore della collettivizzazione dei mezzi di produzione…”. Lo spunto viene da una domanda de ‘Il Sole 24 ore’ sul ruolo che Cassa depositi e prestiti avrà nel capitale delle imprese, a fronte delle garanzie e dei prestiti erogati.

Per la ripartenza il Governo confida molto sull’aumento dell’ecobonus e del sismabonus al 110% per determinati lavori edili. Il cittadini potrà girare il credito d’imposta all’impresa. Quindi – assicura Conte – si potranno fare determinate lavori “senza sborsare un euro”.

Il dl rilancio darà un bonus vacanze da 500 euro per le famiglie con un Isee inferiore a 40mila euro. Il reddito di emergenza sarà per chi ha l’Isee fino a 15mila euro. Per la scuola si assumeranno 78mila nuovi insegnanti e 4mila ricercatori.

All’Università andranno 1,4 miliardi e ci saranno le risorse per ulteriori 4200 borse di specializzazione in medicina. Infine due frecciate di Conte alle opposizioni: “Prima di speculare su Silvia Romano, bisogna farsi rapire e vivere come lei, mesi e mesi, sotto la minaccia di rapitori armati” e “Il centrodestra ha regolarizzato 877mila migranti, il centrosinistra 500mila”.

Continua a leggere qui

Fonte: agi.it