I nuovi modelli organizzativi messi in campo dalle imprese nel periodo dell’Emergenza potrebbero mutare i tradizionali equilibri che stanno alla base dello scambio nell’ambito del rapporto di lavoro. Ciò può riguardare soprattutto il tema retributivo con un maggiore coinvolgimento del Welfare aziendale.

Secondo quanto scrive Il Sole 24 Ore in Edicola oggi:

“Potrebbe nascere quindi un nuovo archetipo di welfare aziendale, con una natura meno retributiva di quello degli ultimi anni, in buona parte derivante dalla conversione del premio di risultato. La gestione del tempo, in termini organizzativi per l’azienda e di vita dei lavoratori, sarà il perno attorno al quale ruoteranno i vecchi benefit, rimodellati per adattarli al cambiamento, e i nuovi, creati per soddisfare le nuove esigenze sociali e assecondare quelle organizzative”.