La proposta di legge denominata Family Act che vede come prima firmataria la Ministra delle Pari Opportunità Elena Bonetti, ha iniziato ieri il suo iter parlamentare.

Stamane la Ministra è stata ospite della trasmissione televisiva Agorà, in onda su Rai3 e è stata intervistata dal giornalista Roberto Vicaretti.

Ecco quanto raccolto da TuttoLavoro24.it a proposito delle dichiarazioni della Bonetti su uno dei punti più innovativi e attesi del Family Act, l’Assegno universale per i figli.

“L’assegno universale prevede che le famiglie ricevano un assegno per ciascun figlio dalla nascita ai 21 anni di età. E’ prevista una maggiorazione dal terzo figlio” ha detto la Ministra, esponente di Italia Viva. Che ha poi aggiunto “Nel caso di figli disabili l’assegno universale prevede una maggiorazione tra il 30% e il 50%, e sarà esteso per tutto l’arco della vita”.

Dunque per le famiglie che versano in particolare difficoltà per la presenza di figli disabili l’Assegno universale sarà previsto per tutta la vita. L’assegno ovviamente si aggiungerà ai trattamenti già attualmente previsti di cui beneficiano i disabili.