Con l’ordinanza 12708/2020, la Cassazione afferma che il datore è tenuto a corrispondere al dipendente le retribuzioni arretrare senza la decurtazione della quota contributiva a carico del lavoratore.

Continua a leggere qui

Fonte: lavorosi.it