La circolare n. 84 INPS ha aperto alla possibilità per le aziende di accedere ad ulteriori settimane di Cassa Integrazione aggiuntive alle 18 previste dal DL Cura Italia e DL Rilancio (9+5+4).

Si tratta però di settimane di Cig che non rientrano nel regime della causale Covid19, ma in quello delle causali ordinarie.

A specificare quale sarà il maggior costo per le aziende è il quotidiano Il Sole 24 Ore di oggi in Edicola:

“Secondo la circolare, è in ogni caso possibile accedere alle integrazioni salariali ordinarie per mancanza di materie prime o di commesse, anche quando il determinarsi di dette causali sia riconducibile ai perduranti effetti dell’emergenza epidemiologica. In questo caso però, si applicano i limiti previsti dal Dlgs 148/2015 compreso l’obbligo di versamento della contribuzione addizionale (esclusi gli eventi oggettivamente non evitabili)”.

Dunque le aziende dovranno sopportare il maggior costo dovuto alla contribuzione addizionale, finora non dovuto per Cig con causale Covid19.