Con una secca replica, Pasquale Tridico ha dichiarato che non si dimetterà. Sentito ieri mattina al telefono dal Corriere della Sera, il presidente dell’Inps ha ribattuto seccamente alle accuse mosse contro di lui per l’aumento di stipendio da 62mila a 150mila euro lordi, disposto dal governo con un decreto interministeriale del Lavoro e dell’Economia (Catalfo del M5s e Gualtieri del Pd). La notizia ha fatto sollevare un polverone, che è andato montando dopo ora, fino a far scatenare tutta l’opposizione compatta e non solo. 

Continua a leggere qui

Fonte: tg24.sky.it