La posizione del Partito Democratico sul Piano Catalfo di riforma degli ammortizzatori sociali (per approfondire clicca qui) la sintetizza Debora Serracchiani, presidente della commissione Lavoro della Camera.

“La bozza di documento dei tecnici nominati dal ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, è senz’altro una base di partenza, ma ora va arricchita” si legge su Il Sole 24 Ore in edicola oggi in un’intervista alla ex presidente della regione Friuli Venezia Giulia.

Inoltre l’esponente PD è chiara, occorre partire da tre i concetti chiave, raccolti in una proposta di legge già depositata alla Camera da tempo e che la vede come firmataria:

“ammortizzatore universale, ma non unico, perché abbiamo macrosistemi differenti; no a extra costi per le imprese, che anzi vanno messe in condizioni di creare occupazione di qualità, proseguendo, quindi, nella strada di riduzione del cuneo, e politiche del lavoro, per favorire riqualificazione e reinserimento delle persone”.