Nelle ore di attesa per il nuovo Dpcm, una delegazione del Governo composta dal Ministro Gualtieri e dalla Ministra Catalfo ha incontrato i sindacati dei lavoratori a cui sono state illustrate per grandi linee i capitoli della prossima manovra economica ed è stato anche anticipata l’emanazione di un decreto che stabilisce di estendere la cassa integrazione Covid sino al 31 dicembre per tutte le imprese e i lavoratori che hanno già utilizzato le 18 settimane previste dal decreto agosto (come anticipato dalla Ministra Catalfo in un’intervista: per approfondire clicca qui).

”Un fatto positivo, ma non sufficiente” commentano Cgil, Cisl, Uil in una nota stampa.

“Sin che dura questa straordinaria condizione di crisi sanitaria, – continua la nota – noi chiediamo che così come vengono prorogati i sostegni alle imprese e all’economia, debba esserci anche la proroga della cassa Covid e del blocco dei licenziamenti e delle ulteriori indennità Covid e tutele in caso di disoccupazione”.

Dunqe per affrontare ancora la fase di crisi il sindacato ha chiesto al Governo di tenere in considerazione non solo le richieste delle imprese, ma anche quelle dei lavoratori e quindi di prorogare:

  • blocco dei licenziamenti;
  • cig Covid19 già a partire da metà novembre;
  • indennità Covid19 (cd. Bonus);
  • indennità Naspi anche quella dell’emergenza.

(In foto un’immagine di repertorio di una riunione al Ministero del Lavoro)