Ieri c’è stato l’incontro Governo-sindacati nel quale si è dibattutto dell’introduzione dell’obbligo di Green pass entrare in tutti i luoghi di lavoro. Netta la posizione dei sindacati: nessun accordo può essere fatto questo punto, se il Governo intende imporre l’obbligo vaccinale lo faccia con una legge. Che però non deve produrre discriminazioni, né demansionamenti, né licenziamenti ai danni dei lavoratori.

La palla quindi passa in mano al Governo che, secondo quanto scrive il Corriere della Sera in edicola oggi, sarebbe spinto ad avviare una prima fase dell’obbligatorietà del Green pass per le sole aziende di quei settori dove dal 6 agosto il Green pass è obbligatorio per la clientela:

“Tra oggi e giovedì, quando potrebbe tenersi il Consiglio dei ministri, Draghi dovrà fare la sintesi politica sui tre fronti rimasti aperti. Oltre alle imprese, i nodi da sciogliere riguardano trasporti e scuola, settore che per Draghi è «priorità assoluta». Esclusa al momento la possibilità di imporre al personale scolastico e agli studenti di immunizzarsi, il governo studia una norma che preveda il «green pass» per i lavoratori delle attività dove l’obbligo del certificato è già previsto per i clienti. Primi fra tutti alberghi e ristoranti, ma si valuta anche circoli sportivi e palestre. I tre dossier sono ancora tutti aperti e non è scontato, visto il livello delle tensioni politiche e i differenti orientamenti dei partiti, che le nuove norme confluiscano contemporaneamente nel prossimo decreto Covid: il presidente del Consiglio spera di non dover mettere nero su bianco un provvedimento che contenga l’obbligo vaccinale per chi ancora non si è sottoposto all’immunizzazione”.

Nulla sembra essere stato deciso per il momento, circolano solo ipotesi. Come quella avanzata invece dal quotidiano Il Messaggero di stamane che esclude qualsiasi ipotesi di intervento sul Green pass per entrare in ogni luogo di lavoro (clicca qui). L’unica certezza è il Green pass per i clienti di ristoranti, bar, spettacoli, centri sportivi, ecc. che partirà dal 6 agosto (per approfondire clicca qui).

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.