Con la sentenza del 26.07.2021, il Tribunale di Taranto afferma che non può avere valenza disciplinare e non può, quindi, legittimare il licenziamento, il post con cui il lavoratore su Facebook attacca indirettamente le precedenti proprietà della società datrice.

Continua a leggere qui

Fonte: lavorosi.it