Più salario variabile e ulteriori diritti alla Eurosets srl, azienda biomedicale di Medolla che produce macchine e dispositivi per il trattamento delle patologie cardio-polmonari, ha 224 dipendenti e appartiene al gruppo Villa Maria di Lugo di Ravenna. Lo prevede il nuovo contratto integrativo sottoscritto tra i sindacati territoriali di settore e la direzione aziendale.

«Raccogliamo il frutto di mesi di intenso lavoro, grazie a relazioni sindacali consolidate che, anche in un periodo segnato dalle conseguenze economiche e sociali della pandemia, ci permettono di migliorare salari e diritti per tutti i lavoratori di Eurosets», commentano con soddisfazione Femca Cisl Emilia Centrale, Filctem Cgil e la rsu.

Nella parte economica l’intesa sottoscritta incrementa il premio di risultato del 20%; l’aumento sarà spalmato nel corso del triennio (2021-2022-2023). L’azienda, inoltre, incrementa dall’1,56 al 2% il proprio contributo al fondo di previdenza integrativa gomma-plastica, senza alcun costo aggiuntivo per il dipendente; anche la quota per l’adesione al fondo sanitario contrattuale – pari a 8 euro mensili – sarà completamente a carico dell’azienda.

Raddoppiano (da quattro a otto) le ore aggiuntive di permesso retribuito annuali per effettuare le visite di prevenzione oncologica. Tale beneficio viene riconosciuto anche ai lavoratori che devono accompagnare i figli alle vaccinazioni. Inoltre sarà possibile la fruizione del congedo parentale anche in ore.

Viene introdotto il sistema di welfare contrattuale che permette al lavoratore di beneficiare di una tassazione Irpef zero qualora egli destini la somma del premio raggiunto (fino al 100%) al fondo pensione chiuso o altre forme di assistenza e sostentamento della famiglia (servizi sanitari, per la non autosufficienza e/o tasse scolastiche).

Con particolare riferimento a quanti sono oggetto di prescrizioni riconosciute, l’azienda individuerà tutte le azioni necessarie al fine di porre in essere una convergenza tra adattamento del processo produttivo, formazione, e riqualificazione dei lavoratori coinvolti.

Continua a leggere qui

Fonte: cisl.it