Dopo l’avvertimento del Presidente di Confcommercio Carlo Sangalli arriva quello del Presidente di Confartigianato Marco Granelli: bene il Green pass obbligatorio per tutti i lavoratori ma questo non comporti un aggravio di costi per le imprese. Soprattutto per quanto riguarda i tamponi.

Ecco un stralcio dell’intervista al Presidente di Confartigianato da parte di Repubblica.it:

Teme un aggravio di adempimenti per i piccoli, anche di possibili sanzioni?

Ci attrezzeremo per farlo. Certo, sono oneri in più e ne avremmo fatto volentieri a meno; ma bisogna contemperare pro e contro, e in questo caso i pro della normativa sono superiori ai contro.

E il costo dei tamponi? Basta la promessa di calmierarlo?

Potremmo valutare, con i fondi della bilateralità, la compartecipazione alle spese dei lavoratori per i tamponi. Anche lanciare l’idea di un rimborso, senz’altro non possono essere a carico delle imprese”.

Dunque secondo la Confartigianato il costo dei tamponi potrà essere a carico degli enti bilaterali, ma solo per una parte, l’altra deve essere a carico dei lavoratori. Escluso ogni costo a carico delle imprese.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.