Con la sentenza 27782/2021, la Cassazione afferma che il datore di lavoro pubblico non può disapplicare le previsioni della contrattazione integrativa, se non in ipotesi eccezionali e specifiche.

Continua a leggere qui

Fonte: lavorosi.it