Sta per partire l’assegno unico e universale per i figli a carico dal settimo mese di gravidanza ai 21 anni di età. Si tratta del provvedimento su cui ha spinto fortemente la Ministra per la famiglia e le pari opportunità Elena Bonetti (Iv) che fino ad ora è stato sostituito dalla misura ponte dell’assegno temporaneo.

Bonus che sarà destinato ai lavoratori autonomi, ai cd. incapienti, i percettori del reddito di cittadinanza, i lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato e ai disoccupati nella misura di 175 euro mensili per chi ha un Isee pari o inferiore a 15.000 euro. L’importo diminuisce ad aumentare dell’Isee, fino a un minimo di 50 euro al mese. 

Tuttavia, questo non vuol dire che tutte le famiglie italiane incrementeranno il loro reddito grazie all’assegno unico, proprio perché dovranno presentare l’Isee che tiene conto anche del patrimonio immobile e mobile, quindi anche dei risparmi finora non rilevati nell’attuale sistema di detrazioni per i figli a carico. Verranno rilevati anche le giacenze dei conti correnti, premi assicurativi e le automobili possedute.

Assegno unico figli 2022: chi ci guadagna

Da un lato per alcune tipologie di famiglie l’assegno unico costituisce un guadagno. In questo caso vedrebbero aumentarsi il proprio reddito:

  • lavoratori autonomi che oggi non percepiscono gli ANF;
  • nuclei monoreddito, per esempio le madri single, il cui Isee risulterebbe molto basso e quindi avrebbero un importo mensile maggiore;
  • famiglie numerose poiché per loro è prevista una maggiorazione degli importi mensili dal terzo figlio in poi in questo modo: 85 euro mensili dal terzo figlio per chi ha un Isee pari o inferiore a 15.000 euro e una maggiorazione forfettaria di 100 euro mensili per i nuclei con quattro o più figli.

Assegno unico figli 2022: chi ci perde

Considerando dunque non solo il reddito ma anche il patrimonio mobiliare e immobiliare, secondo l’ISTAT, il 29,7% delle famiglie italiane con l’assegno unico e con la conseguente eliminazione delle altre misure a sostegno delle famiglie con figli a carico andrebbe incontro a un peggioramento del proprio reddito. Parliamo soprattutto di:

  • nuclei familiari con figli over 21 a carico dei genitori che resterebbero esclusi sia dall’assegno unico che dalle attuali detrazioni;
  • coppie di fatto che oggi per il calcolo degli assegni al nucleo familiare possono computare il solo reddito del richiedente mentre passando all’Isee dovrebbero considerare i redditi di entrambi i genitori;
  • le famiglie con redditi e patrimoni elevati, che otterrebbero 50 euro al mese.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].