“La digitalizzazione del Paese passa attraverso la creazione di una infrastruttura di rete che assicuri il ‘diritto ad una connettività’ a banda ultralarga efficiente, capillare e stabile. Nelle classifiche europee di digitalizzazione, l’Italia resta stabilmente nel fondo e non si può seriamente pensare di superare questo gap e quello fra aree del paese, delegandolo ad una fallimentare competizione fra Reti parallele senza una visione complessiva”. E’ quanto dichiarano le Segreterie Regionali di SLC CGIL — FISTEL CISL — UILCOM UIL in una nota sottolineando che “sarebbe uno sperpero di risorse, ridurrebbe il valore dell’infrastruttura stessa e non darebbe certezza di uno sviluppo equilibrato e completo della connettività. Le conseguenze per il Paese – proseguono le tre federazioni regionali – sarebbero negative in termini di efficacia dell’azione infrastrutturale e destabilizzanti sotto il profilo occupazionale.
Per fare una Rete digitale efficiente ci vogliono capitali, un’organizzazione complessiva, investimenti tecnologici e umani, professionalità elevate e la possibilità di protrarle nel tempo per la manutenzione e il continuo aggiornamento. Non si può ridurre tutto alla “sola connessione”. Ci vuole un sistema di telecomunicazioni moderno e all’avanguardia, ed un soggetto trainante in Italia e nel mercato europeo.
Abbiamo sempre pensato che il memorandum di intesa dell’agosto 2020 tra TIM e Cassa Depositi e Prestiti finalizzato ad un più ampio progetto di rete unica nazionale fosse la strada corretta da perseguire. Ad oggi questa strada sembra essersi interrotta. Da un lato non siamo stati convocati dal governo, nonostante i solleciti, dall’altro l’idea che un tema così strategico come quello della rete non può esser derubricato ad un gruppo di lavoro governativo e di esperti.
La Rete è la condizione abilitante per il rilancio economico del Paese e diventerà sempre più fattore fondamentale di accesso al pluralismo delle informazioni e possibilità di sviluppo. Garanzia di pluralità democratica e di non discriminazione. Non può essere derubricata a mera questione di competizione economica tra privati se vogliamo veramente garantire dignità e diritti al lavoro e ai cittadini di questo Paese.
In questi ultimi giorni le fibrillazioni societarie su Telecom Italia rischiano di far precipitare la situazione. L’interesse manifestato da parte di un noto fondo d’investimento internazionale per l’intero Gruppo impone il tema della tenuta finanziaria e dell’operatività del Gruppo stesso rischiando di minare la capacità d’investimento e di realizzazione industriale della rete stessa, con evidenti ripercussioni occupazionali.
Per tali ragioni il sindacato unitario ed una delegazione delle lavoratrici e dei lavoratori TIM, parteciperà al presidio convocato delle organizzazioni sindacali regionali per il giorno 29 novembre 2021 dalle ore 9.30 alle 11.30 in P.zza del Plebiscito ad Ancona. Contemporaneamente le organizzazioni sindacali hanno chiesto alle istituzioni regionali un incontro urgente per prendere posizione a tutela delle infrastrutture strategiche della Regione e dei livelli occupazionali del settore” concludono.

Continua a leggere qui

Fonte: cisl.it