In questi giorni Inps sta pagando l’Assegno Unico dei mesi passati, pareggiando le mensilità rimaste arretrate. Questo perché da luglio gli arretrati non spettano più e di conseguenza, da ora in poi, verranno saldate solo le mensilità correnti: un gran bel risparmio che permetterà al governo di poter tagliare i fondi destinati a questa prestazione.

Ma con grande sorpresa da parte dei percettori, nelle scorse ore i più fortunati hanno trovato la data per l’accredito di luglio 2022. Parliamo di chi riceve l’Assegno per aver fatto domanda a Inps.. Ce la segnalano prontamente i nostri lettori, mostrandocela dal proprio Fascicolo Previdenziale del Cittadino:

Martedì 12 luglio l’Istituto di Via Ciro il Grande darà il via ai pagamenti dell’Assegno Unico di luglio, in una data che certamente è anticipata rispetto al solito. Un appuntamento che non è detto che rimanga l’unico della settimana: tutto dipenderà se Inps deciderà di pagare la prestazione per i figli a carico anche in altri giorni.

Ma attenzione, perché la platea interessata da questo pagamento è esclusivamente quella composta da coloro che ne hanno fatto domanda. Quelli che lo ricevono in automatico, ossia i percettori del Reddito di Cittadinanza, dovranno attendere la ricarica di metà luglio.

TuttoLavoro24.it provvederà come sempre a tenere informati i suoi lettori su eventuali nuove date. Per altre informazioni riguardo l’Assegno Unico, invece, vi invitiamo a consultare la nostra GUIDA dedicata.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News.

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].