Così come in Italia, anche in Spagna si è pensato a un pacchetto anti-crisi per contrastare l’inflazione. Il Decreto è stato approvato lo scorso 25 giugno dal consiglio dei ministri spagnolo e avrà una dotazione pari a 9 miliardi di euro.

Tra questi, 540 milioni saranno riservati al bonus 200 euro, gemello di quello nostrano. In Italia potranno beneficiarne quasi tutti, chi a luglio e chi a ottobre (clicca qui per conoscere gli esclusi) e per tante categorie vale il limite dei 35 mila euro di reddito personale annuo. In Spagna, tale vincolo è abbassato: come fa sapere il Fatto Quotidiano, il bonus una tantum sarà destinato a famiglie, lavoratori e a disoccupati con un reddito inferiore a 14.000 euro l’anno e un patrimonio sotto i 43.196 euro.

A differenza dell’Italia, esclusi dal bonus iberico saranno i percettori dell’ingreso minimo vital: il nostro Reddito di Cittadinanza. In Italia, gli unici percettori RdC a non beneficiare dell’indennità saranno quelli che avranno il mese di sospensione a luglio 2022. La loro situazione è stata approfondita qui.

Tuttavia, i percettori dell’ingreso minimo vital non hanno da crucciarsi troppo. Perché se nel nostro Paese ogni scusa sembra essere buona per levare di mezzo l’RdC, il governo spagnolo non ci pensa nemmeno a farlo fuori, anzi. L’idea del premier Pedro Sanchez, infatti, è proprio quella di aumentare il sussidio del 15%. E non per una tantum, ma per ben 6 mesi. In Italia si è optato per avere l’uovo oggi, in Spagna per avere la gallina domani.

Previsto anche uno sconto del 50% sugli abbonamenti dei mezzi pubblici e una riduzione dell’Iva sull’elettricità dal 10% al 5% a beneficio di famiglie e imprese.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].