HomePolitica“Reddito di Cittadinanza fallimento totale”: Meloni va all’attacco e punta così alla...

“Reddito di Cittadinanza fallimento totale”: Meloni va all’attacco e punta così alla cancellazione

Torna nuovamente all’attacco del Reddito di Cittadinanza, Giorgia Meloni leader di Fratelli d’Italia.

La misura voluta dal Governo Conte I è stata un “fallimento totale”, ha scritto su Facebook, “nonostante abbia avuto per lo Stato un costo esorbitante pari a circa 9 miliardi di euro l’anno”.

“Stendendo un velo pietoso sulle migliaia e migliaia di truffe che ha generato – favorendo anche criminali, mafiosi e spacciatori ha fallito come strumento di lotta alla povertà che doveva essere abolita e invece ha raggiunto i massimi storici e ha fallito come misura di politica attiva del lavoro, visto che pochissimi dei percettori del reddito di cittadinanza sono stati alla fine assunti e hanno trovato un lavoro dignitoso”, ha concluso.

Per Fratelli d’Italia il Reddito di Cittadinanza va cancellato. Il partito guidato dalla Meloni, che si candida alla guida del Paese con le prossime elezioni del 25 settembre, ha già da tempo avanzato una proposta di riforma radicale che TuttoLavoro24.it ha illustrato in questo articolo.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News.

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].
spot_img
spot_img
spot_img