Roma, 2 giugno 2020. Si rischia di arrivare all’autunno senza una soluzione. L’azienda non ha ancora fornito la contabilità come richiesto anche da Invitalia. Il piano industriale di Napoli si è rivelato fallimentare ed anche questa è una responsabilità del gruppo.

Essere ancora qui dopo un anno e dopo la grande manifestazione dello scorso ottobre significa che nessuno ha gettato la spugna. Ringraziamo i lavoratori del sito di Napoli poiché è fondamentale mostrarsi uniti tra stabilimenti. 

Il Ministro Patuanelli ci riporti al tavolo di confronto e si richiami in gioco Invitalia giacché è dal 29 gennaio 2020 che il Mise non propone soluzioni.

Dopo l’emergenza coronavirus e dopo aver compreso che di burocrazia si muore, assistiamo ancora ad atteggiamenti irresponsabili! 

Ricordiamo, ora è sempre, che chiudere uno stabilimento al Sud è fare un regalo alla criminalità organizzata.

Continua a leggere qui

Fonte: cisl.it