Con il decreto 9/2020, il Tribunale di Milano, Sezione Autonoma Misure di Prevenzione, afferma che lo sfruttamento dello stato di bisogno dei riders integra il reato di caporalato

Continua a leggere qui

Fonte: lavorosi.it