Con l’ordinanza 10535/2020, la Cassazione afferma che la previsione della risoluzione del patto di non concorrenza post-contrattuale rimessa all’arbitrio del datore concreta una clausola nulla.

Continua a leggere qui

Fonte: lavorosi.it